What's my age again?

Pubblicato il da gbordons

 

IMG_1987.JPG

 

 

Lo stumentale di What's my age again, passava per le prime volte alle radio italiane, e, subito me ne innamorai. Avrò avuto si e no 17 anni, ramazzavo la macelleria dei miei genitori in attesa della chiusura per scappare in Eita con la mia moto da cross. Quell' assolo racchiudeva emozioni ed energie per me nuove, in un momento in cui cercavo di capire chi fossi e dove andassi.

 

Da allora quel gruppo diventò la mia favorite band! 

 

I Blink 182 hanno  echeggiato le miei pagine, attraverso due grandi  cambiamenti e scelte, attraverso le tre donne più importanti della mia vita. 

 

In ogni loro canzone è legato più di un momento, più di un emozione, più di un sussulto.

 

Nella loro musica c'erano i tempi di transizione da ciò che ero e da ciò con cui ho dovuto combattere contro. C'erano i nodi della corda che provavo a stringere intorno al collo, quando i nodi in gola, erano troppo grossi per poter scendere.

 

Nei loro album che sono stati rifugio ma anche anfetamina liquida che circolava libera nelle vene, si sono depositati gli anni più belli e più brutti che ho vissuto. Praticamente metà della mia vita. Metà di una vita che alla fine ho vissuto. Punto.

 

I ricordi, fin troppo riportati al presente, non sono stati invitati oggi. Il concerto inizia, Travis è mostruoso dietro e dentro quella sua dannata batteria. Voglio solo che mi spacchi il cervello in due assieme alle mura del Forum.  Voglio solo   sentire il basso di Mark muoversi come una marea dentro la mia pelle. Voglio solo sentire la chitarra di Tom stridermi dentro le vene. Voglio solo vivere questo momento presente, con la musica dal vivo di un gruppo, che ha suonato la mia vita. Nulla di più!

 

E quando mi chiederanno ancora quanti anni ho , risponderò sempre 23, perché avrò sempre 23 anni con una montagna negli occhi da scalare, un amore dannato che pomperà nel cuore veleno e la fottutissima musica dei blink a mille dentro le cuffie del mio I-pod!

 

 

leggero, veloce, profondo

giuliano "bordons" bordoni

 

Commenta il post