Lo Chef del Camana Veglia

Pubblicato il da gbordons

ice-0363.jpg

Mattia Mottini

 

Il Camana Veglia è tra i più rinomati gourmet di Livigno, sicuramente il mio preferito. Non per niente è qui che ho portato una bionda, e che bionda, la mia bionda preferita, per far colpo! E non ho sbagliato, ovviamente! Ma non vi voglio parlare di quella serata (tip top, tra parentesi) o degli squisiti piatti da noi consumati, quanto dello Chef del Camana, ovvero Mattia Mottini.

 

Mattia è in perenne full immersion nella sua cucina. A volte per cercare la sua testa basta controllare all'interno delle sue pentole. Tuttavia, di tanto in tanto, con  andamento più raro che periodico, si prende una giornata per staccare il cervello. Quello che almeno gli rimane.. Ed è in una di quelle giornate, che sia sci, telemark, ghiaccio  o semplicemente manovra alcolica , che rimango piacevolmente sbalordito. Va bene vederlo armeggiare con disinvoltura coltelli in titanio, manovrare leccornie con abili mani e precisione chirurgica, mettendoci  la magia che solo gli artisti romantici possiedono nel loro tocco; ma trovarlo brandendo piccozze beh… super stile!! Sembra di esser di fronte alla trasformazione di Clark Kent, o meglio ancora, di fronte al mutamento del dott. Jackyl e Mister Hyde! 

 

Oggi Mattia dopo tre mesi galoppanti in cucina ha deciso di staccare la spina, così con Bruno Mottini, "l'uomo medio", andiamo nel canyon di Pontresina a spicozzare un po'! 

 

Bruno vivace come un bambino col pepe nel sedere parte a nastro sul primo tiro, gli prudono le mani. A me i piedi. Il ghiaccio è il  mio primo amore, e come il primo amore non lo si scorda mai. Rimane sempre quel qualcosa nello stomaco che ti fa vibrare l'anima. Ad ogni colpo di piccozza ben assestato corrisponde ad una profonda sensazione di piacevole autostima. Una sensazione di potere e grandezza che noi uomini andiamo sempre a ricercare per aumentare il nostro testosterone!  

 

Bruno apre i tiri, io  testo i suoi chiodi che per mia fortuna sono già in loco e Mattia non perde occasione di salire con disinvoltura dove passiamo noi.  Sale anche da primo, ma il meglio lo dà sul tiro di drytooling! La mia bocca si spalanca!

 

Sapevo che i livignaschi avessero una marcia in più (e con orgoglio mi vanto di dire: "io arrampico e scio con Mr. Uomo Medio!") ma che ogni volta, questi bricconcelli caduti fuori dal nulla, ti pettinino così, con disinvoltura beh… chapeaux che altro dire!

 

leegero, veloce, profondo

giuliano "bordons" bordoni


 

ice-1429.JPG

Bruno Mottini

 

ice-1430.JPG

Mattia Mottini 

 

ice-1478.jpg

Giuliano Bordoni

 

ice-1486.JPG

Bruno Mottini

 

ice-0341.jpg

Mattia Mottini

 

ice-0351.JPG

Mattia Mottini

 

Commenta il post