Cervino - Norrona Magazine Photo Shooting

Pubblicato il da gbordons

 

 

Il Magazine di Norrona, invita me e la Guida Alpina Patrick Poletto, per effettuare un reportage sulla montagna simbolo: il Cervino, conosciuto nel resto del mondo come Matterhorn. 

 

Il Cervino, con la sua elegante ed estetica morfologia, ha da sempre attratto l' occhio e i sogni di milioni di persone. E' la montagna per antonomasia non per nulla. Salirla con delle guide alpine locali, come Patrick e Oscar, è un privilegio non da poco. Perchè? Beh, va da sè delle loro competenze e delle loro abilità, ma volete mettere avere un appendice riservata alla capanna Carrel, a 3830m, con tanto di riscaldamento, viveri, acqua e birra? Si proprio così, la capanna Carrel, strategica per poter spezzare la lunga salita che da Cervinia, attraverso la Cresta del Leone, porta alla vetta, ha un ala privata, destinata alle Guide Alpine di Cervinia e ai loro clienti. Particolare non indifferente. Ma non solo. Infatti, i due baldi, nel mentre il sole accendeva il fuoco all'orizzonte, loro accendevano il fuoco per preparare un barbeque improvvisato con una pioda del Cervino. La bottiglia di vino veniva stappata mentre la grigliata mista e i tomini avvolti in un lenzuolo di speck si cuocevano. Una cenetta da gourmet! Del buon vino e della carne, proprio come i montanari di una volta. Ma, dei veri alpinisti, rimane solo questo. Infatti l'alpinista vero e proprio, fu Jean-Antoine Carrel, quando nel lontano 1865, riuscì a salire per la prima volta, la Cresta del Leone, aprendo così la via italiana su questa maestosa montagna.  Da allora la montagna ha subito lifting, ha acquisito corde fisse, mantenendosi tuttavia come una salita impegnativa. Quindi posso solo immaginare le vere difficoltà iniziali. Attraverso i passaggi, resto piacevolmente stupefatto, pensando all'audacia e al coraggio, di quella leggenda, Carrel appunto, che con dei materiali e delle conoscenze, ben lontane da quelle moderne, si issava passo dopo passo sulle erte e fragili rocce della Gran Becca.

 

Salire il Matterhorn, con questo gruppo di amici, è stato un regalo, un turbinio di emozioni che conserverò geloso nel cassetto dei miei ricordi preferiti. Tutto ciò arricchito dalle immagini scattate da Marco, capace di fermare nel tempo, gli attimi di una vita vissuta sulla cresta delle nostre passioni.


Welcome to nature. 

Thanks to Norrona!

 

Clicca qui sotto per vedere le foto e la storia sul sito di Norrona Magazine

norrona

 

 

 

giuliano "bordons" bordoni

leggero, veloce, profondo


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post